SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



Servizio di Fit Test: verifica dell'adeguatezza degli APVR (Apparecchi di Protezione delle Vie Respiratorie)



A COSA SERVE IL FIT TEST?

Per Fit Test s’intende il controllo dell’adattabilità del viso alle maschere di protezione delle vie respiratorie. Pertanto, il Fit Test è un processo fondamentale, da eseguire prima che l’utente indossi un respiratore obbligatorio sul luogo di lavoro. Nello specifico esso è finalizzato a:

  • Accertare la tenuta, la compatibilità e la stabilità di respiratori di diverso formato, stile, modello o marca.
  • Verificare cambiamenti nel volto che possano influenzare l'aderenza, ad esempio notevoli variazioni di peso o lavori odontoiatrici.
  • Tutelare i lavoratori da eventuali fattori di rischio alle vie respiratorie.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Il riferimento principale è il D.Lgs. 81/2008 - Testo Unico sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro, che obbliga il datore di lavoro all’assegnazione di D.P.I. (Dispositivo di protezione individuale), a valutarne l’adeguatezza e a sottoporre il lavoratore a corretto addestramento per quelli di III categoria (art. 76-77 del D.Lgs. 81/2008).
Un riferimento specifico sulle modalità e contenuti dell’addestramento degli apparecchi di protezione delle vie respiratorie è il Decreto 2 maggio 2011, dove l’intero Allegato 2 è dedicato ai dispositivi di protezione respiratoria e nella parte “dell’addestramento all'uso corretto” riporta i riferimenti per organizzarlo in modo appropriato.
Il Fit Test, ovvero la prova di tenuta degli APVR, è necessaria per dimostrare che il dispositivo utilizzato dal lavoratore abbia una tenuta corretta sul viso dell’utente e che il livello di compatibilità con altri DPI sia idoneo, senza influenzare il livello di protezione. In caso contrario, una tenuta non adeguata può comportare perdite verso l’interno di agenti contaminanti presenti nell’aria, che metterebbero a rischio la salute dei lavoratori.
Quanto sopra è indicato come suggerimento nel decreto dal DM 2 maggio 2001 nell'Allegato 2 paragrafo 7, ma è anche sottolineato nella Norma Europea UNI EN529:2006 sui “Dispositivi di protezione delle vie respiratorie - Raccomandazioni per la selezione, l’uso, la cura e la manutenzione - Documento guida”.
Per ulteriori riferimenti normativi si rimanda a: OSHA (Occupational Safety and Health Administration) - linee guida OSHA 29 CFR1910.134 e HSE (Health and Safety Executive) - Circolare operativa OC 282/28 (vers. 6 del 30/4/2012).

 FIT TEST QUANTITATIVO

La metodologia del Fit Test Quantitativo (QNFT) può essere applicata per qualsiasi respiratore aderente e permette di valutare l’idoneità del dispositivo in modo più completo ed esaustivo rispetto al Fit Test Qualitativo (QLFT). Questo perché l’esito della prova dipende dal dato misurato dallo strumento e non dalla percezione dell’utilizzatore, come accade invece per il Test Qualitativo.

DESTINATARI E FINALITA’ DEL SERVIZIO

I destinatari del test sono tutti i lavoratori che fanno uso di apparecchi di protezione delle vie respiratorie (APVR) sul luogo di lavoro. La finalità ultima del servizio è quella di verificare l’adeguatezza dell’APRV rispetto al singolo lavoratore ed accertare che tale DPI fornisca l’adeguato fattore di protezione indicato dal costruttore.

COSA OFFRIAMO?

La SIPAR SRL offre un servizio di Fit Test altamente qualificato, elargito da professionisti competenti in materia e con attrezzature tecnologicamente predisposte ad eseguire prove di tenuta sicure ed affidabili. Con questo scopo, al termine del servizio verrà rilasciato un report dei nostri tecnici, che certifichi la conformità degli APVR rispetto alla adattabilità del viso del singolo lavoratore.


Per maggiori informazioni in merito al servizio si invita a scaricare IL MATERIALE INFORMATIVO IN ALLEGATO o a contattare i nostri referenti:

Carmine Paragallo

Cell. 3478009839

E-mail carmine.paragallo@siparsrl.com

Giovanni Marra

Tel. +39 0775 242026

Fax +39 0775 244625

E-mail giovanni.marra@siparsrl.com

 

Presentazione Fit Test

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%