SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



Nuovi modelli semplificati per la redazione del POS, del PSC, del fascicolo dell'opera e del piano di sicurezza sostitutivo

Il Ministero del Lavoro rende noto con comunicato in Gazzetta Ufficiale che il decreto interministeriale 9 settembre 2014 (di cui all'articolo 104-bis del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) ha individuato i modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza, del piano di sicurezza e di coordinamento e del fascicolo dell'opera nonchè del piano di sicurezza sostitutivo, di cui all'articolo 131, comma 2-bis del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.


Il decreto, reperibile nel sito internet del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, è di assoluta rilevanza per coloro che operano come consulenti, coordinatori e datori di lavoro nei cantieri temporanei e mobili, in quanto fornisce i modelli per elaborare i principali documenti di cantire che, fino ad oggi, dovevano essere redatti in assenza di riferimenti chiari.

Il Decreto ministeriale è composto da 5 articoli e 4 allegati, recanti ciascuno un modello per predisporre rispettivamente:

1) il Piano Operativo di Sicurezza (POS) di cui all'articolo 89, comma 1, lettera h) del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., utilizzabile dai datori di lavoro delle imprese esecutrici ed affidatarie (Allegato I);

2) il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) di cui all'art. 100 del del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., utilizzabile dai coordinatori per la sicurezza (nell'Allegato II);

3) il piano di sicurezza sostitutivo del piano di sicurezza e di coordinamento (PSS), di cui all’art. 131, c. 2, lett. b) del D.lgs. 163/2006 e s.m.i., utilizzabili dagli appaltatori o dai concessionari (nell'Allegato III);

4) il fascicolo adattato alle caratteristiche dell’opera (FO), di cui all'art. 91, c.1, lett. b) del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., utilizzabile dai coordinatori per la sicurezza (nell'Allegato IV).

I modelli “semplificati” del POS, PSC e PSS presenti nel decreto interministeriale riportano i riferimenti numerici ai paragrafi degli allegati XV al D.Lgs. n. 81/2008 recante i “contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei e mobili”, mentre il modello per la predisposizione del FO rispecchia i “contenuti” già previsti nell'Allegato XVI “Fascicolo con le caratteristiche dell'opera” del D.Lgs. n. 81/2008.

Il decreto prevede il monitoraggio del'applicazione dei modelli allegati e l'eventuale rielaborazione dei contenuti entro 24 mesi dalla sua entrata in vigore.

Grazie alla pubblicazione del decreto, i redattori dei documenti della sicurezza dei cantieri dispongono finalmente di schemi chiari e di relativa semplice compilazione. Inoltre, si ritiene che, con l'uso di questi modelli, il tempo per la stesura dei documenti verrà notevolmente ridotto e si evitaranno alcune divergenze interpretative tra i datori di lavoro, i coordinatori e gli organi di vigilanza.

D.M. (int.) 9 settembre 2014 (G.U. 12 settembre 2014, n. 212)

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%