SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



SISTRI, una nuova proroga al 2015 del regime cartaceo?

Tra gli emendamenti al ddl “Milleproroghe”, approvato in prima lettura dalla Camera il 17 febbraio 2014, c’è anche la proroga al 31 dicembre 2014 dell’applicazione dell'attuale regime transitorio “a doppio binario” degli adempimenti ambientali previsti in materia di tracciabilità dei rifiuti. Se le modifiche verranno confermate anche in seconda lettura dal Senato, gli operatori potranno continuare a utilizzare registri di carico/scarico e formulari di trasporto accanto al SISTRI e il regime sanzionatorio del SISTRI verrà applicato dal 2015.


Nell’ultima seduta dell’Assemblea della Camera, il ddl di conversione del c.d. “milleproroghe” (“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2013, n. 150, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative”) contribuisce ad arricchire le tormentate vicende del SISTRI di un nuovo episodio.

125, al comma 3-bis, le parole: “nei dieci mesi successivi dalla data del 1° ottobre 2013” sono sostituite dalle seguenti: “fino al 31 dicembre 2014”». 101, convertito con modificazioni dalla legge 30 ottobre 2013, n. La Camera, infatti, ha approvato l'emendamento Abrignani 10.15, come riformulato dal “Comitato dei nove”. Il testo approvato aggiunge dopo il comma 3, il comma “3.1” dell’art. 10, dal seguente tenore: «3.1. All'articolo 11 del decreto-legge 31 agosto 2013, n.

Tale modifica – qualora venisse confermata nel testo definitivo che dovrà essere approvato entro il 28 febbraio 2014 – avrà l’effetto:

— da un lato, di estendere a tutto il 2014 sia l’applicazione degli articoli 188, 189, 190 e 193 del D.Lgs n. 152/2006 (si tratta delle disposizioni relative a registri di carico e scarico dei rifiuti, formulari e MUD) e del relativo regime sanzionatorio, nella versione previgente alla riforma della Parte Quarta sui rifiuti introdotta dal D.Lgs n. 205/2010,

— dall’altro, di fare in modo che l’applicazione delle sanzioni del SISTRI, sempre introdotte dal D.Lgs n. 205/2010, inizi dal 2015.

Disegno di legge A.S. 1214, “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2013, n. 150, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative" (A.C. 2027)

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%