SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



SICUREZZA SEGNALETICA CANTIERI STRADALI: PUBBLICATO UN NUOVO DECRETO

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 67 del 20 marzo 2013, il Decreto Interministeriale 4-3-2013, entrerà in vigore dopo 30 giorni


Nei cantieri stradali allestiti in luoghi che interferiscono con il traffico veicolare la segnaletica è fondamentale. Nei giorni scorsi, dopo tanta attesa da parte degli addetti ai lavori, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 67 del 20 marzo 2013 il Decreto interministeriale 4 marzo 2013, che individua i criteri generali di sicurezza relativi alle procedure di revisione, integrazione e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgono in presenza di traffico veicolare.

Le nuove regole entreranno in vigore dopo 30 giorni dalla pubblicazione e l'adeguamento alle nuove disposizioni dovrà avvenire entro 12 mesi da quella data.

Il testo si compone di sette articoli e due allegati. Nel primo vi sono i criteri di applicazione della segnaletica di cantiere che devono essere seguiti (e documentati) da gestori delle infrastrutture, delle imprese appaltatrici, esecutrici o affidatarie. Nel secondo Allegato vengono individuati corsi di formazione per preposti e lavoratori, addetti alle attività di pianificazione, controllo e apposizione della segnaletica stradale destinata alle attività lavorative che si svolgano in presenza di traffico veicolare, nonché i soggetti formatori, i contenuti, la durata, gli indirizzi e i requisiti minimi di validità della formazione.

Tra le altre regole, il decreto prescrive:

- l’obbligo di utilizzare dispositivi di protezione individuale (indumenti ad alta visibilità)conformi alle previsioni di cui al Titolo III del d.lgs. n. 81/2008;
- l’obbligo di segnalare i veicoli operativi con dispositivi supplementari a luce lampeggiante, o pannelli luminosi, o segnali a messaggio variabile, ovvero la combinazione di questi segnali, in relazione alla categoria della strada e alla tipologia di intervento;
- che i caratteri della segnaletica rispondano alle caratteristiche di cui all’art. 3 del “disciplinare tecnico relativo agli schemi segnaletici, differenziati per categoria di strada, da adottare per il segnalamento temporaneo” approvato con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti del 10 luglio 2002″.

-SONO PREVISTI DEI CORSI DI FORMAZIONE PER OPERATORI E PREPOSTI CHE SI OCCUPANO DI PIANIFICAZIONE, APPOSIZIONE,CONTROLLO DELLA SEGNALETICA STRADALE PER LAVORI CHE SI ESEGUONO IN PRESENZA DI TRAFFICO VEICOLARE, tali corsi hanno durata minima di 8 ore per gli operatori e 12 ore per i preposti, oltre ad essere previsto un aggiornamento di 3 ore ogni 4 anni. Coloro che alla data di entrata in vigore del decreto hanno esperienza di almeno 12 mesi nel settore sono tenuti ad effettuare il corso di aggiornamento entro 24 mesi dall’entrata in vigore del decreto, essendo quindi esonerati dai corsi di base per operatori ed eventualmente preposti. QUESTA FORMAZIONE E’ DA CONSIDERARSI AGGIUNTIVITA E NON SOSTITUTIVA DI QUELLA PREVISTA DALL’ACCORDO STATO REGIONI SULLA FORMAZIONE DEL 21-12-2011.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%