SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



Valutazione dei rischi da agenti chimici, criteri e strumenti

La commissione consultiva permanente ha approvato il documento con cui sono individuati i criteri e gli strumenti per la valutazione e gestione del rischio chimico
Nella seduta del 28 novembre 2012, la Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ha approvato il documento con cui sono individuati i criteri e gli strumenti per la valutazione e gestione del rischio chimico negli ambienti di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. (Titolo IX, Capo I "Protezione da Agenti Chimici" e Capo II "Protezione da Agenti Cancerogeni e Mutageni"), alla luce delle ricadute del Regolamento (CE) n. 1907/2006 (Registration Evaluation Authorisation Restriction of Chemicals - REACH), del Regolamento (CE) n. 1272/2008 (Classification Labelling Packaging - CLP) e del Regolamento (UE) n. 453/2010 (recante modifiche all'Allegato II del Regolamento CE 1907/2006 e concernente le disposizioni sulle schede di dati di sicurezza).

Spunti importanti riguardo:

- la definizione di rischio chimico per la sicurezza e la salute;
- adempimenti in conseguenza della classificazione del rischio;
- sorveglianza sanitaria;
- strumenti e metodi per la valutazione;
- contenuti minimi del documento di valutazione;
- schede di sicurezza;
- indagini di igiene industriale e VLEP (valore limite di esposizione professionale);
- gestione delle emergenze e formazione del personale;
- valutazione dei rischi da agenti cancerogeni, periodicità della valutazione,contenuti minimi,sorveglianza sanitaria, registro degli esposti, ecc.....;


Allegata troverete il documento della commissione consultiva permanente.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%