SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



prima verifica delle attrezzature di lavoro: la nuova procedura INAIL

L'INAIL rende note le modalità di richiesta di verifica delle attrezzature di lavoro, il cui obbligo discende dall'art. 71 del TUSL e dal successivo decreto interministeriale di attuazione D.M. 11 aprile 2011


È stata resa nota sul sito dell’INAIL (www.inail.it) la nuova procedura per la richiesta della prima verifica delle attrezzature di lavoro, il cui obbligo discende dall’art. 71, commi 11, 12 e 13, del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i., e dal Decreto 11 aprile 2011, entrato in vigore il 23 maggio 2012.

Le modalità per adempiere all’obbligo di legge possono essere:

— di tipo informatico, per gli utenti già iscritti a Punto cliente del portale INAIL, che così possono inoltrare la richiesta mediante la procedura online;

— di tipo cartaceo, per gli utenti non ancora iscritti a Punto Cliente, che devono utilizzare il modulo predisposto dall’INAIL.

Si ricorda infatti che il datore di lavoro è obbligato a sottoporre le attrezzature di lavoro riportate nell’Allegato VII del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. a verifiche periodiche volte a valutarne l’effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini di sicurezza, con la frequenza indicata nel medesimo Allegato. Titolare della prima verifica, da effettuarsi nel termine di 60 giorni dalla richiesta, è l’INAIL (che ha assorbito le funzioni del soppresso ISPESL), mentre ricade in capo alle ASL/ARPA (a seconda delle disposizioni regionali in materia) la titolarità delle verifiche periodiche successive, da effettuarsi nel termine di 30 giorni dalla richiesta. Decorsi inutilmente entrambi i citati termini, il datore di lavoro deve avvalersi, per le verifiche, dei soggetti abilitati, di cui il primo elenco è stato pubblicato con il Decreto 21 maggio 2012.

All’atto della richiesta di prima verifica (sia nella modalità informatica che in quella cartacea) il datore di lavoro è tenuto a indicare il nominativo del soggetto abilitato, del quale si avvarrà qualora l’INAIL non sia in grado di provvedere nei termini di legge e con la propria struttura.

Le attrezzature da sottoporre a prima verifica da parte dell’INAIL si suddividono in 3 gruppi, e precisamente:

— Gruppo Gruppo SC (Apparecchi di sollevamento materiali non azionati a mano ed idroestrattori a forza centrifuga): Apparecchi per sollevamento materiali con portata superiore a 200 Kg, Carrelli semoventi a braccio telescopico, Idroestrattori a forza centrifuga;

— Gruppo SP (Sollevamento persone): Ascensori e montacarichi da cantiere, Carri raccoglifrutta, Ponti mobili sviluppabili su carro, Ponti sospesi e relativi argani, Scale aeree ad inclinazione variabile;

— Gruppo GVR (Gas, Vapore, Riscaldamento): Insiemi a pressione semplice e complesso, Forni, Generatori di vapore, Generatori di acqua surriscaldata, Recipienti, Tubazioni, Impianti di riscaldamento ad acqua calda con potenzialità superiore a 116 kW.

L’INAIL, contemporaneamente alla richiesta di prima verifica, ha reso altresì disponibili le modalità (informatiche e cartacee) per le denunce di messa in servizio/immatricolazione, previste dall’art. 11, comma 3, del D.P.R. n. 459/1996, per le denunce di messa in servizio/immatricolazione e per le richieste di verifica di messa in servizio, disposte dall’art. 4 e 6 del D.M. n. 329/2004, per la denunce di impianto di centrali di riscaldamento ad acqua calda, previste dall’art. 18 del D.M. 12 dicembre 1975, e per le trasmissioni delle dichiarazioni di conformità per impianti di messa a tessa e di protezione dalle scariche atmosferiche, previste dall’art. 2 del D.P.R. n. 462/2001.

Fino all’emanazione di apposito decreto interministeriale, trovano ancora applicazione le tariffe per l’effettuazione delle verifiche da parte dell’INAIL ex ISPESL, di cui al Tariffario ISPESL (Decreto 7 luglio 2005).

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%