SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



Importante opportunità per la formazione del personale Progetto

E' uscito un avviso regionale (chiamato AGISCO) rivolto alle imprese del Lazio per la formazione del personale e il sostegno allo sviluppo e all'occupazione


L’Avviso pubblico “A.G.I.S.C.O. Apprendimento per Generare Innovazione, Sviluppo delle Competenze e Occupazione” si prefigge di offrire un sostegno di natura formativa alle imprese del territorio laziale, con particolare riferimento alle PMI. Risultato delle azioni ovrà essere quello di rafforzare la capacità delle imprese di sostenere la propria presenza sul mercato, avviando o migliorando le proprie capacità produttive,quelle di innovazione dei prodotti e dei processi ovvero politiche di rete e di internazionalizzazione.

Partendo dall’assunto, chiaramente definito dal “Piano Lazio 2020”, che sviluppo economico sostenibile e occupazione di qualità si raggiungono e si mantengono attraverso la crescita e la manutenzione del patrimonio di professionalità e di competenze presenti sul mercato del lavoro, Agisco si pone l’obiettivo di dare opportunità di accesso ad un lavoro regolare e conforme alle competenze dei lavoratori, così come di realizzare le condizioni per favorire il successo di impresa e la possibilità di sviluppo di ogni professionalità attraverso percorsi individualizzati di crescita.

Agisco è pertanto finalizzato a sostenere non una formazione aziendale di natura generalista, ma una formazione strettamente correlata al fabbisogno aziendale che verta su tematiche di natura tecnica e gestionale, anche in considerazione delle seguenti priorità:
  • innovazione tecnologica;

  • innovazione di processo e gestionali;

  • introduzione di sistemi di automazione industriale;

  • sostegno alla costituzione di reti tra imprese;

  • sostegno ai processi di internazionalizzazione di singole imprese o di reti;

  • implementazione di sistemi di certificazione ambientale;

  • implementazione di sistemi di risparmio energetico.

Soggetti proponenti
Possono presentare domanda di finanziamento le imprese:
- aventi unità operative ubicate nel territorio della regione Lazio;
- che versano il contributo di cui all’art. 12 della legge 03/06/1975 n. 160 e successive modifiche;
- che sono in regola con gli obblighi di cui alla legge n.68/1999.
Le imprese proponenti possono presentare domanda di finanziamento in forma singola o associata (ATI-ATS) fra loro.

L'erogazione delle attività formative deve essere effettuata da Enti accreditati per la Macrotipologia Formazione Continua, ai sensi della DGR 968/2007 e s.m.i.. A questo fine le imprese proponenti possono presentare la propria candidatura in  associazione con detti Enti (ATI-ATS), ovvero avvalendosi di essi ed indicandoli nella domanda.
  Ogni impresa può presentare o partecipare a non più di un (1) progetto formativo.I progetti potranno riguardare una singola impresa o più 
  imprese fino ad un massimo di tre (3)
.
  Finanziamento
  Ogni azione finanziata dovrà prevedere un cofinanziamento aziendale non inferiore al 20% del costo complessivo dell’intervento.
  Tutti i Piani Formativi possono essere finanziati fino a un massimo € 200.000,00 (duecentomila/00) di contributo pubblico.

  Può essere anticipato il 70% del finanziamento previa presentazione di fideussione.
  Ciascuna aula formativa deve prevedere un numero minimo di 12 allievi.

Allegato il Bando, avviso regionale.

Per le aziende interessate possiamo seguirvi il progetto ed aiutarvi alla presentazione del bando proponendoci come ente erogatore della formazione e vs consulente nella presentazione del piano formativo, i ns numeri per eventuali informazioni aggiuntive sono 0775/242026-244625, i referenti per questo progetto sono i sig.ri Marra Giovanni e Carmine Paragallo.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%