SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



Nuova proroga per le verifiche periodiche alle macchine ed attrezzature di lavoro

Sicurezza - Macchine e attrezzature

Con decreto appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale è stata nuovamente differita l’entrata in vigore del decreto interministeriale 11 aprile 2011, recante la disciplina delle verifiche periodiche cui sono sottoposte le macchine ed attrezzature di lavoro.

Il decreto interministeriale 11 aprile 2011, che secondo le intenzioni del legislatore del "Testo Unico" avrebbe dovuto essere adottato entro il termine di dodici mesi dall'entrata in vigore dello stesso, disciplina

- le modalità con cui si devono svolgere le "verifiche periodiche" delle attrezzature di lavoro indicate all'allegato VII del D.Lgs. n. 81/2008

i i requisiti tecnici, i criteri e le procedure per l'abilitazione dei soggetti pubblici e privati che saranno incaricati di eseguire le verifiche periodiche in caso di impossibilità da parte di INAIL e ASL.

Le verifiche oggetto del decreto sono volte a valutare, con la frequenza indicata nell'allegato VII del D.Lgs. n. 81/2008, l'effettivo stato di conservazione e di efficienza ai fini della sicurezza delle attrezzature di lavoro

Tale decreto doveva entrare in vigore (art. 6, comma 2) 90 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale (avvenuta il 29 aprile 2011 ) ma il DM 22 luglio 2011 ne ha prorogato l’entrata in vigore a 270 giorni dopo la pubblicazione.

Adesso, il DM 20 gennaio 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 24 gennaio 2012 ha ulteriormente prorogato l’entrata in vigore del decreto 11 aprile 2011 a 390 giorni rispetto alla prima scadenza. Questo significa che la nuova data di riferimento è il 24 maggio 2012.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%