SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



SISTRI, ulteriore proroga al 30 giugno



Proroga Sistri



Le Commissioni della Camera Bilancio e Affari costituzionali hanno approvato un emendamento che contiene una ulteriore proroga – che fa seguito a quella contenuta nel Milleproroghe – (dal 2 aprile al 30 giugno) per l’entrata in vigore del SISTRI (il Sistema di controllo per la Tracciabilità dei Rifiuti).

La motivazione tale rinvio che emerge dalla Commissione Ambiente, è rinvenibile nel fatto che il sistema non è ancora stato messo definitivamente a punto.

Il sistema di tracciabilità dei rifiuti richiede il versamento di contributi obbligatori ai fini dell’iscrizione al servizio, nonché per l’acquisto delle apparecchiature necessarie per la sua gestione. A tal proposito Il Ministro dell’Ambiente ha reso noto che sono al vaglio soluzioni per gravare il meno possibile sulle aziende, tuttavia sono annunciati ricorsi nei prossimi giorni a causa dei disagi causati dalle proroghe reiterate.

La proposta di emendamento era partita dalla Lega Nord, che esprime soddisfazione per la sua approvazione, sostenendo che essa consentirà agli artigiani ed alle imprese di tirare un sospiro – nell’attuale situazione di difficoltà generale – rinviando tale onere.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%