SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



Proroghe in materia ambientale: al 2 aprile 2012 l'avvio del SISTRI

Pubblicato il D.L. 29 dicembre 2011, n. 216, recante “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative”

Pubblicato il D.L. 29 dicembre 2011, n. 216, recante “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative”: tra le proroghe ivi disposte anche molte in materia ambientale, tra le quali, in particolare, si rileva il differimento dell’avvio dell’operatività SISTRI al 2 aprile 2012 (dal 9 febbraio 2012), nonché la proroga al 31 dicembre 2012 delle AATO e della possibilità di conferire in discarica tutti i rifiuti speciali ed urbani con potere calorifico superiore a 13.000 kJ/kg.

SISTRI: la piena operatività slitta di 2 mesi, al 2 aprile 2012

L’art. 13, comma 3 del D.L. n. 216/2011 dispone una nuova proroga in tema di SISTRI, prevedendo lo slittamento al 2 aprile 2012 del termine di piena operatività del nuovo Sistema informatico – fissato al 9 febbraio 2012 dall'art. 6, comma 2, secondo periodo, del D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n. 148.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%