SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



EDILIZIA, ARRIVA LA PATENTE A PUNTI

La certificazione corsia preferenziale negli appalti pubblici, avviso comune tra imprese e sindacati in attuazione alle previsioni del testo unico sicurezza lavoro.


Una patente a punti obbligatoria per imprenditori edili, corsia preferenziale per ottenere appalti pubblici,decurtata in caso di accertate violazioni in materia di sicurezza e salute sul lavoro. La patente a punti sarà poi sottoposta ogni tre anni ad una serie di paletti necessari al momento del rilascio, requisito di onorabilità,quali: assenza di provvedimenti in corso a carico degli operatori, desingazione del RSPP, personale in possesso di attestazioni che certifichino le competenze , requisiti finanziari, ecc....
A prevedere la patente a punti è un avviso comune presentato al ministero del lavoro, firmato da associazioni datoriali e sindacati, in recepimento dell'art. 27 del testo unico sicurezza lavoro. Per far diventare operativo il documento dovrà essere emanato un decreto ministeriale che recepisca l'avviso.
La patente a punti la potranno ricevere lavoratori autonomi ed imprese, a seconda della pianta organica la patente potrà variare da 25 punti (lav autonomi) fino a 120 punti imprese con 200 addetti. La patente sarà rilasciata dalla sezione speciale dell'edilizia presso la camera di commercio, dove avremo una commissione composta da : un membro della camera di commercio, uno della ASL, uno dell'ispettorato, uno per ogni organizzazione sindacale ed uno per ogni organizzazione datoriale, più un comitato tecnico composto anche da esponenti delle casse edili. Entro 30 gg dalla presentazione della richiesta ì, sarà rilasciata o rifiutata la patente.
Questa certificazione sarà necessaria per l'aggiudicazione di appalti pubblici in regime di appalto e sub appalto e l'accesso a finanziamenti pubblici, agevolazioni, ecc....
Mantenere il punteggio sarà un elemento da salvaguardare, la riduzione partirà da un minimo di due punti per l mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischi, ed altre mancanze ai fini della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro (es. mancata fornitura dei Dpi, formazione,ecc...), fino a 10 punti in caso di infortuni sul lavoro con conseguente condanna del datore di lavoro.
Il recpero dei punti potrà avvenire frequentando appositi corsi presso gli enti bilaterali nel settore edile.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%