SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



VENDITA ALIMENTI REQUISITI DOC.

Validità dei titoli subordinata alla verifica degli studi effettuati


Omogenità di applicazione sul territorio della normativa sui requisiti professionali per vendita e somministrazione di alimenti e bevande. Questa la finalità con la quale il ministero dello sviluppo economico ha emanato la circolare n. 3642/C di chiarimento sulla validità di alcuni titoli di studio per iniziare l'attività di vendita e somministrazione alimenti. I requisiti morali e professionali per poter accedere all'attività di commercio di alimenti e bevande sono stati profondamente modificati dal D. Lgs. 59/2010 di recepimento della direttiva servizi. Il decreto individua i requisiti necessari per l'avvio delle attività di commercio settore merceologico alimentare e somministrazione di alimenti e bevande. E' ammessa la possibilità di riconoscere valido, ai fini della qualificazione, il possesso di un diploma di scuola media superiore o di laurea anche triennale o altra scuola ad indirizzo professionale, almento triennale, dove nel corso di studio siano previste materie attinenti al commercio, la preparazione o la somministrazione di alimenti.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%