SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



SPAZI CONFINATI

Ambienti Confinati in sicurezza
Per svolgere attività lavorative in ambienti confinati le aziende devono avere personale con esperienza almeno triennale in misura non inferiore al 30% della forza lavoro.Lo prevede uno schema di DPR relativo ai lavori negli spazi confinati approvato nei giorni scorso al consiglio dei ministri.
Tra le novità principali il provvedimento introduce condizioni per lo svolgimento di attività all'interno di spazi confinati. Le imprese debbono essere qualificate sulla base dei seguenti requisiti:
- personale con esperienza almeno triennale in misura non inferiore al 30% della forza lavoro assunto a tempo indeterminato;
- formazione specifica di tutto il personale e del datore di lavoro mirato alla conoscenza dei rischi per tali attività, la formazione deve prevedere la verifica dell'apprendimento e aggiornamento;
- possesso di attrezzature e dpi idonei al tipo di lavoro;
- valutazione dei rischi e delle misure di emergenza per i lavori negli spazi confinati;
- durc;

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%