SIPAR SRL è un’organizzazione certificata



VERIFICHE ATTREZZATURE

Verifiche periodiche attrezzature D.M. 11 Aprile 2011
E' stato pubblicato il decreto ministeriale previsto dall'art. 71 del D. Lgs. 81/2008 per la definizione delle verifiche periodiche alle quali sono soggette le attrezzature di lavoro specificatamente previste nell'allegato VII del testo unico sicurezza al fine di valutare l'effettivo stato di conservazione ed efficienza ai fini della sicurezza. Il decreto ha definito i criteri per ottenere l'abilitazione ad effettuare queste verifiche da parte di soggetti pubblici o privati, nonchè le condizioni in presenza delle quali l'INAIL (ex ISPESL) e le ASL possono avvalersi del supporto di detti soggetti. L'INAIL è infatti titolare della prima di queste verifiche periodicheche dovrà essere effettuata entro 60 gg dalla richiesta, mentre le ASL sono titolari delle successive verifiche periodiche alla prima che devono essere eseguite entro 30 gg. Nelle'allegato III del decreto sono indicati le modalità per potersi iscrivere all'elenco dei soggetti abilitati che possono fare le verifiche periodiche,nell'allegato I sono indicati i requisiti che i soggetti privati debbono avere. Decorsi i termini temporali (60 gg per INAIL prima verifica e 30 gg. per ASL successive verifiche) i datori di lavoro possono avvalersi dei soggetti abilitati privati inseriti in un elenco istituito presso INAIL ed ASL. Di questa scelta il datore di lavoro deve dare comunicazione al responsabile di funzione pubblico o privato incaricato delle verifica.

Stampa

AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%