Area Normative



D. Lgs. 81/2008

Testo unico sulla sicurezza ambienti di lavoro


Dpr 151 del 1 agosto 2011

Nuovo Regolamento prevenzione incendi per pratiche Cpi


Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 sulla formazione

Formazione dei lavoratori, dirigenti e preposti


Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 sulla formazione dei datori di lavoro

Formazione degli RSPP Datori di lavoro art. 34 D. Lgs. 81/08


Linee Guida applicative accordo Stato Regioni del 21/12/2011 sulla formazione

Chiarimenti del ministero sulla formazione a lavoratori, dirigenti, preposti ed RSPP


DPR 177 del 2011

Lavori in ambienti a sospetto di inquinamento


D.M. 16 marzo 2012 strutture alberghiere

normativa anticendio strutture alberghiere


D.M. 4 Febbraio 2011

Decreto ministero del lavoro e delle politiche sociali lavori sotto tensione su impianti elettrici alimentati a tensione superiore a 1000 V


D.M. 11 Aprile 2011

Verifiche periodiche attrezzature


Nuova Direttiva Macchine

D. Lgs. 17 del 2010 Nuova Direttiva Macchine


D.M. 10 MARZO 1998

Rischio Incendio DM 10 03 1998


DM 16 FEBBRAIO 1982

Elenco attività soggette al controllo dei VVF


DM 37 DEL 2008

Decreto ministeriale 37 del 2008 impianti elettrici


DPR 462 DEL 2001

Verifiche impianti di messa a terra


Decreto 93 del 2000

Apparecchi a Pressione


Spazi Confinati

Linea Guida Ispesl Spazi Confinati


D. Lgs. 758/94

Sistema Sanzionatorio


D. LGS. 152/2006

Testo unico ambientale


REG. 852/2004

Igiene degli alimenti


Reg. 178/2002

Ingiene degli alimenti e Rintracciabilità


Reg. CE 853/2004

Igiene Alimenti


Reg. CE 854/2004

Controlli ufficiali alimenti


AZIENDA

CONSULENZA

FORMAZIONE

DOCUMENTAZIONE

NEWS

ESPERTO RISPONDE


Rilascio del consenso On-line
Ai sensi degli art. 13 e 14 del Regolamento 2016/679/UE (GDPR) si informa che i dati personali raccolti e/o quelli della società di cui alla presente scheda saranno esclusivamente trattati per le finalità connesse e strumentali alla gestione del rapporto contrattuale, nel pieno rispetto della normativa citata, al fine di garantire i diritti, le libertà fondamentali, nonché la dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all'identità personale.

Presto il mio consenso

Ogni Studio/Azienda può fare più richieste di partecipazione ad attività formative individuali a catalogo, fermo restando che il totale del contributo concesso pari all'80% dell'imponibile I.V.A. delle singole richieste, non deve superare l'importo di euro 1.600,00 (milleseicento/00). Pertanto per ogni singola iniziativa il Fondo riconoscerà al Proponente un contributo pari all'80% dell'imponibile I.V.A. rimanendo a suo carico la copertura del restante 20%